Sol Sim
Sciacconu quell'affissu una mane d'inguernu
Sim Sol
Nant'à li muri scalcinati di a cità
Lam Sim
À l'albore tristezza è senza umanità
Sim Lam
U carrughju paria a porta di l'infernu
Lam Sim
Chì sparitu ne era ogni segnu pietà

Eranu una vintina d'omi ritrattati
A faccia mascherata à tratti d'al di là
Chì lasciavanu sola un'idea d'età
È u penseru stancu à l'ochji tribulati
Quale sò issi figlioli, dite per carità

Ma nimu si frastorna è nimu si ribella
Chì pesa tantu in core a guerra à sistemà
Chì costa troppu tandu un attu libertà
È si terne dinù la disgraziata stella
Chì quella infamità fermava da inventà

Eppuru issi zitelli casconu quella mane
È colma fù cusì la morte assurdità
Chì le cose n'ùn fussinu fatte à metà
È ch'ellu ùn si perdissi u gustu di u pane
Oghje quale sà più, oghje quale a sà

Tenimu à mente i fatti è tenimuli cari
Quelli morti di l'ombra è di a libertà
Quelli figlioli astuti eroi à parità
Di l'affissu zifratu à rossi calamari
Chì scrissenu la storia, quella chì venerà.

.

LOUIS ARAGON

Traduction Ghjacumu fusina

.